Giovedì 27 Febbraio 2020
Banner Header

I “costi sociali”: cosa sono, come si valutano e cosa si può fare

  • Giovedì, 13 Febbraio 2020 16:22
  • Written by 

“I cittadini sono senza dubbio consapevoli perché li sperimentano direttamente. E possono incidere sulla loro riduzione se si organizzano e si mobilitano.” Così Emma Amiconi, Presidente di Fondaca, in un’intervista concessa a Kilometrozero sul tema dei "costi sociali"

Il periodico attraverso le domande che Rosanna Bertolino rivolge ad Emma Amiconi in qualità di “ricercatrice esperta, non solo teorica, ma quanto mai praticante ed attiva” restituisce un interessante focus sul tema a partire dalle origini “strettamente economiche” della definizione di “costo sociale” che risale ai primi anni ’60.  La riflessione prosegue spostando l’attenzione sulla valutazione del fenomeno all’interno di una comunità: “Le esperienze più interessanti a mio avviso sono quelle in cui gli stessi cittadini, coadiuvati da saperi tecnici, intervengono facendo valere il proprio punto di osservazione e valorizzando la loro conoscenza della realtà e la loro capacità di valutazione di ciò che li investe direttamente”.

CLICCA QUI per leggere tutta l’intervista pubblicata sul numero di gennaio della rivista “Kilometrozero”

Read 26 times Last modified on Venerdì, 14 Febbraio 2020 01:37

Focus